Passa ai contenuti principali

Il mio sogno

...Stesso posto, stessa gente, stesso bar,
dal fondo del locale, nel silenzio la voce di Claudio che mi chiede tu come stai?
E io gli rispondo.....Sai che io non sono un ragazzo fortunato,
ho sempre girato e rigirato senza sapere dove andare,
ma ti volevo chiedere scusa se non ho mai creduto di diventare
un grande mago, ne ho mai pensato di incantare le ragazze ed i serpenti tanto meno di
mangiare fuoco come un giovane drago,
Scusami anche tu, Lucio se non mi sono mai innamorato in quella piazza grande ,il 4 marzo,
ma a modo mio ho amato, ho amato come solo i più grandi poeti e sognatori hanno mai fatto,
ma devo rivelarti un segreto,,,
non sono mai diventato uno di loro,
non sono mai diventato neanche un calciatore e nemmeno uno scrittore,
ma il mio cuore matto l’ho donato a lei ,
lì dove il mare luccica, e tira forte il vento
e tu Giulietta,devi sapere che oggi sotto quel tuo balcone forse non passerà nessuno a cantarti una serenata rap perché qui siamo tutti troppo presi dalle community, dai social network, "qui non solo non si muore più per amore,ma non si combatte più neanche e non si vuol neanche rischiare di rimanere feriti, siamo tutti più bravi ad accontentarsi che a scegliersi,"
ma come ben sai Caro Francesco,
chi mi ha fatto le carte
mi ha chiamato vincente, ma uno zingaro è un trucco e fossi stato un po’ più giovane forse...forse l’avrei , stracciato con la fantasia.
Ricordo ancora quella notte di note, lei dormiva piano, sotto un tappeto di stelle nel blu dipinto di blu,tra nuvole e lenzuola mentre io... io sognavo sogni di rock’n’roll poi arrivò quel treno che l’ha portò via,lontano da me, dall'anima mia.
Le ultime parole che le dissi furono...”tu sarai sempre la mia città”,
forse ci rincontreremo in un altra vita, ma con un finale diverso spero.
Quando mi rivedrai sicuramente mi riconoscerai,
io sarò sempre Luca lo stesso .
il mio sogno

Post popolari in questo blog

Il vetro

Il vetro Oltre quel vetro si scorgeva un cielo plumbeo e sotto gocce di pioggia, c’era lei che camminava di stratta di fretta Lo sguardo basso, gli occhi tristi e vuoti ma allo stesso tempo pieni di dolore, rancore, per quello vita che ha sempre cercato ma che sempre gli è sfuggita. Quante volte ha sperato di incontrare quello giusto, quanti pianti hanno nascosto quella pioggia, quante volte ha aspettato seduta su quei gradini che arrivasse quel arcobaleno Quanti inizi e fini ha affrontato, poi tra quelle gocce di pioggia ha urtato lui ,che le ha sorriso e per un breve e intenso attimo, i loro occhi si sono detti milioni di parole e il quel preciso momento qualcosa cambiò 
di Luca Morabito

Sei

Sei Sei in sorriso che fa girare la testa mentre fuori tutti fanno festa Sei l'inizio e la fine di ogni mia tempesta Sei nel mezzo di ogni mio sogno bisogno sei un pensiero che mi hai travolto l'anima come un uragano e quello che hai lasciato solamente lo e il mio cuore lo sappiamo L'amore è strano ora tienimi per mano ricominciamo prima che il nostro orgoglio ci riporti via lontano

Ti ho amata

Ti ho amata con quegli occhi di un  bambino che giorno dopo giorno si facevano più grandi Ti ho amata come si poteva amare il più piccolo dei grandi amori Ho amato ogni tuo sorriso, ogni abbraccio ho amato il profumo dei tuoi capelli il sapore delle tue labbra il calore di ogni tuo bacio ogni tuo pregio o difetto Ti ho amata dal profondo del mio cuore dal primo momento, in ogni tuo sguardo in ogni nostro messaggio, ti ho amata anche quel giorno quando il cuore ci batteva forte,sotto quelle infinite lenzuola  Ti ho amata anche quando mi hai insegnato che non si può amare per sempre perché le parole perdono valore se non sono seguite dai fatti Ti ho amata anche quella volta quando ci siamo detti addio 
Ti ho amata e ti ricorderò per sempre