Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2016

Pagine di memoria

Io e te eravamo due canzoni d'amore
con le stesse parole,
poesie lontane accarezzate dal vento
se ti rivedessi ora,morirei in un momento.
Tu rimarrai sempre quel rimpianto,
che andrà al di là di qualsiasi ragione,
quel come sarebbe potuta andare
che ancora oggi non mi permette di sognare
Il vento batte forte sulle mie porte
mentre questo sole  non riesce più a  riscaldare
le mie parole,d'amore.
Siamo fatti di correnti, incoerenti
affetti da sogni imperfetti
inseguiamo sempre treni diretti,
viaggiamo senza  biglietti .
Confondiamo l'amore con il bene
facendo promesse che non sappiamo mantenere.Abbiamo responsabilità che non vogliamo prendere e realtà che non sappiamo comprendere .Siamo abili a mentire, con la scusa che nessuno ci può capire,
siamo domande che non vogliono avere una risposta.inseguiamo obbiettivi, ma non sappiamo  essere obbiettivi.
Cerchiamo contenuti ,ma siamo sempre troppo leggeri.Vogliamo cambiare, ma non sappiamo  cambiare le nostre abitudini
Sia…

Grazie Ancora

Grazie Ancora
Quando ti vidi per la prima volta
capii  subito che eravamo nati per stare  insieme,
come il  cielo e la terra, come la pace e la guerra,
eravamo petali dello stesso fiore, atomi della stessa molecola.
Quando parlavi tu
sembrava di essere davanti ad uno specchio
 per quanto fossimo simili,
tutto era così intenso,
e non c'e' un momento che ancora  non ti penso
e spero di vederti  apparire
da quel nulla che hai saputo lasciare.
Tu sei sempre  stata troppo per me
ed io sempre troppo poco
per far parte di quella favola perfetta,
fatta di montagne e vallate,
di pianti e risate.
Intanto sole e pioggia si alternavano tra noi
e le mie parole non riuscivano più  ad alleviare quei tuoi silenzi
 diventati troppo intensi.
 "Ti Amo a modo mio"
ma quel modo tuo , era così  diverso dal mio
e da li a poco
sul nostro cielo si stava per abbattere  un altra tempesta,
pronta a spazzar via  tutto quello che rimaneva di noi.
Non hai mai smesso di cercare quelle furono le m…

Goccia di rugiada

Non vorrei  più  questa anima complicata,
se fosse possibile la restituirei a chi me l' ha donata
per tornare a vivere come un vero pirata.
Vorrei essere una goccia di rugiada
che scendendo lungo il mio cuore
riesca a cancellare ogni più invisibile dolore
 restituendogli un po' di colore, calore,vigore.
Vorrei  un battito regolare,
e poter pensare che qualcuno di me si possa innamorare
senza volermi poi cambiare .
Lei la vorrei dimenticare
in questo preciso  istante,
sperando di ritrovare quel mio cuore latitante,
tra le mille pieghe delle nostre distanze,
Vorrei fare una vita meno stressante,
snervante,
non chiedo nulla di intrigante,
vorrei solo tornare a gioire
sotto questa luna gigante,
sbattono  le porte delle mie stanze
tu rimani sempre l"unica risposta
a tutte le mie domande..

Le vie dei colori

Ogni tanto mi perdo attraversando le vie dei colori rimanendo incantato tra dipinti e bagliori, tuffandomi in tutte le  loro tonalità, ma il mio è sempre un vivere a metà,
Ben presto un velo di malinconia riuscirà a cancellare ogni  spensieratezza lasciando qua e là sfumature di tristezza.
Tra tanti colori a cera  lei era quel colore a olio che non c'era mai nella mia vita.
Ora dovrei andare i miei colori sono diventati incolori ,freddi e quel foglio non ha più  spazi da essere riempiti.
Porterò con me il ricordo dei colori  più vivaci e di quelli negativi .
Ricorderò chi mi ha sostenuto, senza mai dimenticare  te che sei sempre stata quel Arcobaleno che ha retto una parte del  mio cielo.

15.01.16

Vita mia

Vita mia
non sai quanto ti ho amato
insieme abbiamo affrontato il mondo ed inseguito  ogni follia che hai tuoi occhi diventava subito magia
trasformandosi subito in poesia.
Quante volte  siamo caduti, altrettante poi rialzati, 
quanti amori irrealizzati,
quanti pianti di nascosto,  quanta insicurezza dietro ad un sorriso.
Troppe sensazioni forti hai provato per  amore, abbiamo sempre combattuto ma nessuno ci ha mai voluto.
Vita mia sia stati un  fallimento che brucia ancora come catrame sul cemento.
Firmato Il tuo cuore.






#mentreviaggio

Mentre viaggio Per vederti supererei il Tigri e l'Eufrate,   milioni di montagne o vallate  non mi fermerebbero neanche le crociate  correrei da te a gambe elevate  mostrandoti tutto il mio amore e il mio coraggio, ma tu sei solo il solito  miraggio  visto di passaggio. Ora sono solo mentre viaggio  penso a te  a tutti quei perché  a quel destino così crudele, tu eri quel vento che spiegava le mie vele, ora vivo di sere nere,  forse sono solo  un imbranato  che di te si era perdutamente innamorato. #mentreviaggio

Le tue assenze

le tue assenze

Sono ancora qui che vago su quel ramo del lago di Como inebriato dal profumo dei fiori accompagnato dal rumore del vento mentre il sole giganteggia tra le montagne  ma non scalda a sufficienza quella panchina ormai vuota delle nostre ombre. 
Un respiro, un altro colpo di vento che ancora una volta non riesce a portar via quel ricordo di te mentre io cerco una nuova motivazione un ispirazione,  so solo che tra inferno e  paradiso tu eri quel filo sottile del mio andare e venire.
Io che venni  fino qui
senza chiederti mai niente  e imparai ad  amare anche le tue assenze.
01.01.16
#venerdidellapoesia